Clicca & Prenota ora!

 

una settimana a pechino

Sending
Valutazione utente
0 (0 voti)

Pechino last minute

Tenetevi forte, perché l’offerta che vi proponiamo oggi non ha precedenti. Siete per caso tra i viaggiatori seriali che ancora non hanno visitato la Cina, ma che desidererebbero moltissimo visitare il continente giallo? Oppure siete degli amanti della cultura orientale o dei semplici curiosi? Beh, a qualunque di queste categorie apparteniate, sappiate che potrete raggiungere Pechino, la capitale, trascorrere 11 piacevoli giorni e ritornare in patria ad un prezzo che definire low cost sarebbe davvero eufemistico. Siete curiosi di scoprire cosa vi riserva il nostro esclusivo pacchetto? Continuate subito nella lettura dell’articolo e…sognate la Cina!

Partiamo con il punto di partenza per ogni viaggio, la prenotazione del volo. Sarà la compagnia di linea svizzera, la Swiss, a condurvi dopo un breve scalo a Pechino, a ridosso della muraglia cinese. Il viaggio di andata è previsto da Roma Fiumicino, con partenza il 17 giugno alle 6.30 della mattina e arrivo il 18 giugno alle 5.15 locali. Il ritorno, invece, dopo esservi dedicati al turismo compulsivo e al riposo, è previsto per il 28 giugno dall’aeroporto principale della capitale cinese alle 6.45, con approdo in patria, sempre nell’aeroporto capitolino alle 14.15 locali. Più di 24 ore per ciascuno dei due viaggi, ma tenetevi forte sul prezzo.

Schermata 2016-06-15 alle 16.51.02

Sì, perché per il vostro viaggio di andata e ritorno, provvisto di bagaglio a mano in cabina e bagaglio in stiva, oltre a tutte le spese e le tasse del caso incluse, vi verrà a costare solo 466 euro. Avete capito bene, meno di 500 euro per oltrepassare l’Europa e dirigervi verso il continente giallo, la sua cultura, la sua arte e la sua magia.

Schermata 2016-06-15 alle 16.57.58

cambia voli

Dopo aver prenotato il viaggio, è il momento di prenotare anche l’alloggio. E se anche non lo crederete vero, è proprio qui che viene il pezzo forte. O il prezzo forte se preferite. Quello che vi proponiamo, infatti, è uno degli alloggi preferiti dai turisti che decidono di tentare l’impresa cinese, trascorrendo un piacevole soggiorno a Pechino. Ci stiamo riferendo al Hao Yongkuan Rural Guesthouse, una struttura comoda e tranquilla, ad una decina di chilometri dal centro della città. Comoda ai servizi e alla stazione della metropolitana, fa del rapporto qualità prezzo il suo punto di forza. Per una notte in camera doppia o matrimoniale, infatti, spenderete soli 7 euro. Avete capito bene: 3,50 euro a testa a notte, ossia 35 euro a persona per un soggiorno di 10 giorni nella capitale cinese. Tutte le stanze sono fornite di aria condizionata e ogni tipo di servizio, incluso bagno privato con doccia, televisione e ricambio giornaliero di asciugamani. Oltre all’indispensabile connessione WiFi gratuita.

Schermata 2016-06-15 alle 17.03.46

Vediamo quindi di fare due rapidi calcoli: per la vostra vacanza pagherete 466 euro di viaggio andata e ritorno in aereo da Roma a Pechino, più 35 euro per il soggiorno, per un totale di 500 euro. Un pacchetto sensazionale, considerato che soggiornerete per dieci giorni nella capitale della Cina, non trovate? Un’offerta irrinunciabile, per la quale dovrete affrettarvi, perché i posti in aereo e le stanze disponibili nel residence sono giocoforza in rapido esaurimento.

Tre posti da non perdere a Pechino

La Muraglia Cinese, vero simbolo di Pechino e della Cina: visitare i suoi siti, in differenti punti, è una vera e propria emozione. Splendide sono le escursioni lunghe un paio di giorni, vivendo accampati per respirare a pieno la propria storia millenaria. Il Palazzo d’Estate è invece uno dei più suggestivi parchi della capitale, esteso per circa 3 chilometri quadrati e dominato per il 75% dall’acqua. L’ultimo consiglio è di visitare infine il Tempio del Cielo, noto anche come Tempio del Paradiso, un complesso di edifici culturali taoisti, che si contraddistingue oltre che per luogo di tradizione millenaria, anche per la splendida architettura e le meravigliose opere architettoniche e d’arte.

Commenti