Città tedesca dell’acciaio: come si arriva ad Essen? Cosa c’è da vedere?

Essen è una delle città tedesche più note soprattutto per la sua grande espansione nel settore industriale. Caratteristica, questa, che ha visto una certa decadenza vista la crisi mondiale che ha colpito la metallurgia pesante. Nonostante questo, però, la cittadina è ancora conosciuta come “città dell’acciaio” data la forte produzione di questo metallo durante i decenni passati. Da centro industriale, però, Essen si è trasformata in breve tempo in un vero e proprio centro di cultura e storia e, proprio per questo, accoglie ogni anno migliaia di turisti provenienti da diverse parti del mondo. Cosa c’è da non perdere una volta giunti sul posto? E come si fa ad arrivare? Scopriamolo!

Essen, cosa vedere nella città dell’acciaio

Una volta giunti ad Essen (vedremo a breve come farlo facilmente!) sono molte le attrazioni che non dobbiamo assolutamente perdere. Si parte dallo Zeche Zollverein, il Complesso industriale della miniera di Carbone. L’importanza del sito viene riconosciuta, nel 2001, anche dall’UNESCO che lo dichiara Patrimonio dell’Umanità. D’altro canto, quando era in attività, a partire dagli anni immediatamente precedenti il 1850, la miniera era la più estesa del Vecchio Continente. Le visite sono, di norma, organizzate e si svolgono in lingua inglese. Consigliata, se non quasi obbligatoria, la prenotazione.

Il Museo Folkwang è un’altra tappa obbligata durante il soggiorno ad Essen. Si tratta di una delle gallerie d’arte più note in terra tedesca ed, in generale, in Europa. Al suo interno possiamo ammirare numerosi dipinti, sculture del 1.200, poster e collezioni fotografiche. Ammirevole anche la struttura architettonica del palazzo che lo ospita. Il Grugapark è il parco pubblico di Essen. Un’area verde di incredibili dimensioni (più di 170 acri) realizzata alla fine degli anni Venti. Al suo interno troviamo una torre di osservazione, diverse fontane e punti di ristoro. I bambini possono divertirsi nei parchi di divertimenti o visitando l’acquario. Il giardino botanico che ospita è tra le bellezze più incantevoli del posto.

La Vecchia Sinagoga risale al 1913 e rappresentava uno dei luoghi di culto ebraici più frequentati. Al suo interno, ogni anno, si svolgono diverse tipologie di manifestazione e mostre a cui vale davvero la pena partecipare. Villa Hugel è uno dei simboli di Essen. Costruita nella seconda metà del 1800, si trova in un bellissimo parco e lascia i turisti a bocca aperta con le sue oltre 260 camere che, periodicamente, sono scenario di incredibili mostre. Chiudiamo con uno dei musei più importanti della Germania, il Museo della Ruhr che si trova proprio ad Essen. Al suo interno si trovano le opere che parlano a chiare lettere della storia del posto. Interessanti le collezioni di fossili che vi si possono ammirare nonché tutta la strumentazione necessaria per l’estrazione di alcuni minerali preziosi.

Come arrivare

Come arrivare ad Essen? Abbiamo anticipato che non è per nulla complicato! Di fatto è possibile raggiungere questa cittadina con tutti i mezzi di trasporto dal momento che risulta ben servita. Arrivando in aereo si può optare per due diversi aeroporti di destinazione: Dusseldolf (il più vicino, a circa 30 Km da Essen) e Dortmund (ad una quarantina di Km di distanza). Da lì, poi, si può raggiungere il centro di Essen con l’autobus, il treno o noleggiando un’automobile.

Il treno, dall’Italia, è uno dei mezzi con cui è possibile raggiungere Essen. La durata del viaggio (che supera la decina d’ore) e lo stress legato ai moltissimi cambi da effettuare da Milano alla cittadina tedesca, però, sconsigliano di optare per questa soluzione. Molto semplice anche l’arrivo in auto. Per chi lo preferisse è possibile oltrepassare il Passo del Brennero e proseguire in direzione Monaco e Francoforte per raggiungere Essen in un paio d’ore.

Commenti