Monti scozzesi: cosa si sa dei monti Grampiani? Cosa c’è da vedere?

La Scozia rappresenta la punta nord del Regno Unito. Un luogo spesso nominato nelle fiabe a causa della presenza di innumerevoli castelli nel suo territorio. Castelli che dominano anche l’intero comprensorio dei Monti Grampiani, tra i principali monti scozzesi. Nonostante la capitale della Scozia sia la nota Edimburgo, nella zone dei Grampians la città principale è Aberdeen, famosa per il porto in cui si raffina il petrolio. Ma come sono i castelli dei Monti Grampiani? Quali altre alternative turistiche ci sono? Andiamo a scoprirlo!

Monti Grampiani, il regno dei castelli

I castelli hanno da sempre un richiamo turistico fortissimo. I monti Grampiani ne sono davvero pieni zeppi, considerando il fatto che, tra i principali, possiamo citarne almeno cinque. Cinque itinerari che non è possibile lasciarsi sfuggire se si ha la fortuna di trovarsi in questo scorcio incantevole di Scozia. Il primo è indubbiamente il castello di Balmoral, situato appieno nella valle del fiume Deen. All’interno di questa sfarzosa residenza, la famiglia reale scozzese è solita passare l’intera stagione estiva per approfittare del clima più fresco rispetto a quello della città.

Tra i castelli più affascinanti che dominano i monti Grampiani vi è indubbiamente quello di Fraser. L’edificio, molto imponente, risale al Settecento e si contraddistingue per il suo stile vittoriano. Attorno alle mura di questo castello si nasconde anche una leggenda che da sempre ha affascinato tutti i visitatori. Pare che al suo interno, infatti, vivesse una principessa che fu, un giorno, uccisa. Il suo corpo, trascinato lungo la scala, lasciò una scia di sangue che fu praticamente impossibile da cancellare. Ancora oggi sarebbe presente, nascosta agli occhi dei turisti da qualche pannello in legno. Il fantasma della principessa, però, vagherebbe per il castello senza pace e suonerebbe, di notte, il pianoforte.

I monti Grampiani ci riservano anche altri castelli importanti. Tra questi quello di Craigievar, risalente al 1626. L’edificio immenso, formato da ben 7 piani, ha una strana colorazione rosata che lo accosta moltissimo ai castelli che siamo abituati a vedere nelle fiabe principesche. Situato ad Alford, Craigievar vanta uno dei controsoffitti più belli dell’intera Scozia grazie a particolari lavorazioni del cartongesso che li compongono. A Corgarff si trova l’omonimo castello, anch’esso visitabile, risalente al 1550 circa. Immancabile una visita anche al Parco nazionale dei Cairngorms, istituito nel 2003. In un’area di oltre 4.500 Kmq è possibile ammirare diverse riserve naturali, altopiani e laghi di origine naturale.

Il percorso del Whisky

Il Whisky è indubbiamente la bevanda per eccellenza in Scozia. Pare che proprio in Scozia questo distillato sia stato prodotto per la prima volta. La paternità del Whisky, però, è rivendicata anche dall’Irlanda con una questione che, a tutt’oggi, non è stata ancora risolta. Nonostante questo, nella zona dei Monti Grampiani è possibile godere del cosiddetto percorso del Whisky. Un vero e proprio itinerario che ci vedrà immersi nel mondo della realizzazione di questo importante simbolo per l’intera nazione. Diverse le distillerie disseminate lungo il tragitto tra cui la più importante, nonché la prima, è quella di Glenlivet, conosciuta in tutta la Scozia per la qualità dei suoi prodotti.

Commenti