Castiglione di Sicilia: in quale provincia si trova? Cosa c’è da vedere?

Chiamato “il quastallum” (il castello) da un famoso geografo di origine arabe, Castiglione di Sicilia si pone nella nostra penisola su una collina tra la Valle dell’Alcantara e il Parco dell’Etna. E’ proprio questa posizione che regala a tutti coloro che decidono di visitarlo splendidi paesaggi e panorami mozzafiato, tra alberi da frutto e lava flusso. Il borgo fu dominato da Arabi, Normanni e Svevi ed è famoso per due particolari riconoscimenti: la medaglia di bronzo al merito civile relativa alla sua partecipazione alla seconda guerra mondiale e la nomina a uno dei borghi più belli d’Italia. Grazie alla sua bellezza, infatti, il paese è stato dichiarato con decreto nel 1994 di grande importanza pubblica. Questo l’ha reso una meta molto gettonata e collocata spesso nel tragitto da fare in Sicilia.

Cosa vedere a Castiglione di Sicilia

Castiglione di Sicilia è un paese tra i parchi dell’Etna e dell’Alcantara. Le sue strade strette e antiche e un castello in cima alla collina ne attestano l’antica origine. Il paese è ricco di monumenti e opere d’arte, in particolare chiese come la seicentesca Chiesa di Sant’Antonio Abate, impreziosita da un campanile con un’insolita cupola a bulbo, e la Basilica della Madonna della Catena, che conserva numerosi e preziosi capolavori artistici.

Il castello di Lauria domina il paese di Castiglione, e nasce come fortezza difensiva della città; fu edificato sulla roccia arenaria, circondato da robuste mura difensive e costituiva una perfetta difesa militare. Dal suo punto più alto, infatti, si può godere di una vista panoramica dell’intera vallata e dei paesi. Nel suo complesso strutturale erano comprese due fortificazioni: il “Castelluzzo” e il “Castel Grande”, della prima rimangono dei resti della torre, della seconda si conservano parte della torre e della cinta muraria.

Vicino a Castiglione di Sicilia troverete una tipica costruzione bizantina chiamata Cuba. La Cuba è un semplice edificio religioso caratterizzato da una cupola a pianta quadrata. E anche in questo caso ha pianta quadrata, cupola e tre absidi. Costruita con pietra, blocchi di lava, malta e terracotta, era ricca di affreschi oggi perduti. Il cuba di Santa Domenica, questo il suo nome, è diventato monumento nazionale dal 31 agosto 1909.

La parte naturalistica di Castiglione

Il parco dell’Alcantara è una delle zone più belle della Sicilia. Lungo la valle scorre l’omonimo fiume passando per antiche colate laviche e bellissime colline. Il fiume segna il confine tra l’area vulcanica dell’Etna e le rocce sedimentarie degli Appennini siciliani. Nel parco si trovano le famose Gole dell’Alcantara, uno spettacolare canyon lavico formato da pareti di magma raffreddato, all’interno del quale scorre indisturbato il fiume più importante dell’isola. Un altro bellissimo sito naturalistico del parco sono le Gurne, 16 laghetti formatisi lungo un’antica colata lavica dell’Etna.

Infine c’è il Parco dell’Etna è un’area naturale protetta, nata con lo scopo di proteggere e preservare l’Etna, patrimonio dell’umanità e madre di ogni siciliano. Ingloba, oltre a Castiglione di Sicilia, molti comuni, tra cui Randazzo.

 

Commenti