Studio all’estero: tutto quello da sapere se vuoi andare in Australia

Sempre più giovani scelgono di andare a studiare all’estero. Tra le destinazioni che ogni anno intercettano un grande numero di richieste c’è senza dubbio l’Australia, apprezzata per la sua capacità di offrire un’ottima formazione all’interno di un territorio ricco di bellezze naturali e metropoli all’avanguardia.

Si tratta, oltretutto, di un paese anglofono, dunque decidere di andare studiare in Australia permette anche di imparare perfettamente la lingua inglese, non soltanto seguendo appositi corsi ma anche attraverso i semplici contatti quotidiani con la popolazione locale.

Le opportunità degli studenti italiani che decidono di recarsi in questa terra sono dunque numerose e sono accessibili a chiunque. Ci sono, infatti, numerosi enti predisposti che mettono a disposizione borse di studio per supportare il percorso dei giovani con minori possibilità economiche. Inoltre, in Australia è piuttosto semplice trovare impieghi part-time con cui ammortizzare le spese quotidiane.

Infine, va anche tenuto conto del fatto che vivere un’esperienza in un paese con costumi diversi rispetto a quelli italiani permette anche di arricchire il proprio bagaglio culturale e la propria prospettiva sul mondo.

I vantaggi dello studio in Australia

L’offerta formativa australiana è ricca e variegata, sia che si voglia imparare o approfondire la conoscenza dell’inglese, sia nel caso in cui si voglia seguire uno specifico corso di studi universitario.

L’alto livello degli atenei australiani è riconosciuto in tutto il mondo, tanto che annualmente ben sette di questi rientrano nelle classifiche delle migliori università a livello globale.

La stessa qualità è garantita dalle scuole di specializzazione e professionali, che forniscono agli studenti la preparazione necessaria per immettersi al meglio nel mondo del lavoro: un corso di questo tipo, infatti, aumenta le probabilità di assunzione non soltanto all’estero ma anche nel proprio paese d’origine.

Inoltre, scegliere di studiare in Australia è consigliato anche per il grande spirito d’accoglienza del paese nei confronti degli studenti di tutto il mondo: non a caso, guardando alle ultime classifiche disponibili, è possibile constatare come questa terra sia al terzo posto per numero di studenti stranieri, a testimonianza della sua peculiare natura multiculturale.

Quale percorso di studi scegliere in Australia

L’Australia propone numerosi percorsi di studi, di diverso indirizzo e livello formativo. Talvolta, l’accesso a questi corsi viene garantito dalla propria preparazione di partenza, quindi occorre innanzitutto accertarsi di essere idonei all’ammissione.

Per poter disporre di tutte le informazioni necessarie in merito, può essere utile anche consultare piattaforme specializzare, come ad esempio LAE, azienda che da anni segue gli studenti nei percorsi formativi attuati dalle migliori scuole, università e college australiani.

Per quanto riguarda i corsi professionali, per esempio, è necessario frequentare i VET, di durata non superiore ai due anni e che offrono possibilità in numerosi campi: dal turismo all’edilizia, passando per il marketing e i servizi sociali.

Poi ci sono i Bachelors, che possono essere considerati l’equivalente dei corsi di laurea nostrani. Essi, in base alle materie trattate, si dividono in Bachelors of Arts, Bachelors of Science o Bachelors of Engineering.

Inoltre, a seconda del livello scelto, si sarà insigniti del titolo di Bachelor’s degree oppure dell’Honours degree: il primo è simile alle nostre lauree di primo livello e dà la possibilità di proseguire gli studi per conseguire il secondo.

Ci sono poi i Graduate Certificate e il Graduate Diploma, accessibili solo da coloro già in possesso di una laurea.

Infine c’è il PhD, il dottorato di ricerca che in tutto il mondo è riconosciuto come il titolo di studio più elevato.

Studiare in Australia permette, quindi, di intraprendere un percorso completo, con cui arricchire il proprio curriculum con un maggior numero di competenze, qualifiche e titoli prestigiosi.

Commenti