Primavera a Istanbul: Weekend lungo a 145€ Volo+Soggiorno

Primavera a Istanbul

Grazie alle nuove offerte di viaggio per la stagione estiva 2016 messe a disposizione dalla compagnia low cost turca Pegasus Airlines siamo stati in grado di costruire un pacchetto davvero molto allettante per andare alla scoperta di una delle città più affascinanti del mondo: Istanbul, l’antica Costantinopoli, la città tra due continenti, di un fascino e di una maestosità unica al mondo. Viaggerete ad aprile 2016, quando la primavera sarà sbocciata e il freddo inverno sarà soltanto un lontano ricordo, per un weekend lungo da sabato a martedì.

Partirete dall’aeroporto di Roma Fiumicino con Pegasus Airlines il giorno sabato 2 aprile 2016 alle ore 14:40, con atterraggio all’aeroporto Sabiha Gokcen di Istanbul (sul lato asiatico della città) previsto per le ore 18:15 locali, un’ora di fuso orario in più rispetto all’Italia. Il costo della tratta è di soli 49,99 euro a persona.

volo-roma-istanbul

Dopo aver trascorso un bellissimo weekend lungo di 4 giorni e 3 notti nella splendida Istanbul giunge purtroppo il momento di ritornare a casa. Il volo che vi riporterà in Italia partirà dall’aeroporto Sabiha Gokcen di Istanbul il giorno martedì 5 aprile 2016 alle ore 11:50, con arrivo a Fiumicino per le ore 13:40 italiane. Il costo della tratta è ancor più basso dell’andata: soltanto 30 euro a persona.

volo-istanbul-roma

Questa schermata mostra il costo totale del volo. Purtroppo Pegasus aggiunge due sorpresine, una tassa di servizio di 6 euro e una tariffa check-in aeroporto di 15 euro, portando così il totale finale a 100,99 euro a persona, sempre un prezzo davvero ottimo per un volo di andata e ritorno verso Istanbul. Ricordate che essendo una low cost, Pegasus non consente bagaglio in stiva e mette a pagamento tutti i servizi aggiuntivi quali pasti, scelta del posto a sedere o trasporto di attrezzatura speciale.

totale

prenota voli

cambia voli

Passiamo adesso all’organizzazione dei pernottamenti. Essendo una città immensa è difficile trovare un centro di Istanbul, ma la scelta che abbiamo effettuato sarà sicuramente soddisfacente per chi da un alloggio cerca un buon rapporto qualità-prezzo. Abbiamo selezionato infatti i Fatih Apartments, che si trovano a soli 2,5 km dalla zona storica di Sultanahmet e offrono camere climatizzate con angolo cottura e connessione Wi-Fi gratuita. Gli alloggi del Fatih Apartments sono dotati di cucina o angolo cottura privati, TV satellitare a schermo piatto, area salotto e bagno privato con acqua calda disponibile 24 ore su 24. Il prezzo per un monolocale standard per due persone è di 89,10 euro per tre notti, il che significa soltanto 44,55 euro a persona per l’intera durata del soggiorno.

fatih-apartments

prenota soggiorno (1)

prenota soggiorno (2)

L’organizzazione del viaggio a Istanbul in Aprile 2016 è terminata. Spenderete 100,99 euro a persona per il volo e 44,55 euro a persona per l’alloggio, ossia una spesa finale a persona di soli 145,49 euro a persona. Dura fare di meglio per una vacanza in questa magnifica città!

Primavera a Istanbul: Cosa fare e vedere

Istanbul è una città decisamente enorme e non basterebbe un mese per girarla tutta, ma sicuramente questi 4 giorni ve la faranno amare e vi faranno desiderare di tornarci presto. Impossibile non restare ammaliati davanti alla Moschea Blu e alla Basilica di Santa Sofia, due capolavori dell’arte islamica. In zona potrete ammirare la Cisterna Basilica e il Palazzo Topkapi, o fare acquisti al Gran Bazar.

Ma Istanbul è molto più della zona turistica: dal porto di Sirkeci partono i traghetti per una mini crociera di un giorno sul Bosforo, per ammirare i quartieri più nascosti della città. E che dire del quartiere della Torre di Galata o di una passeggiata per Istiklal Caddesi, la via dello shopping per eccellenza della città, per finire ad ammirare dal basso la piccola moschea di Ortakoy con lo sfondo del ponte sul Bosforo. La città dei sogni per eccellenza, Istanbul saprà stregarvi a ogni passo.

Commenta loggandoti con Facebook, Twitter, Google o Disqus